La nuit de France

mag 20, 2013 by

Anche quest’anno, a Roma, per la quinta volta, è tornata in scena la Notte dei Musei, una  notte di cultura, arte e divertimento in contemporanea con tutt’Europa!
E anche quest’anno io ne ho approfittato, complice la bella serata primaverile, per  riscoprire Roma in tutta la sua bellezza.
L’anno scorso avevo raccontato della nostra esperienza fatta con i bambini, che non era stata propriamente felice, nel senso che il piccolo si era addormentato ( per fortuna nel passeggino!) e il grande si era un po’ stancato delle innumerevoli e lunghissime file…

Avevo fatto un po’ di polemica sul fatto che non c’erano state agevolazioni per le famiglie,  soprattutto con bambini piccoli, ma d’altronde nessuno era obbligato a farlo…
Sul fatto che l‘evento poteva anche durare due giorni e non 6 ore, ma capisco che magari  sarebbe stata una perdita di soldi per i musei…
E allora, sapendo che le cose quest’anno non sarebbero state assolutamente diverse (anche se siamo in periodo elettorale!) ho deciso di lasciare a casa i bambini con mia suocera e di godermi la serata con mio marito, che ogni tanto ci sta anche bene!

Poi, a differenza dell’anno scorso, che avevo fatto programmi quasi impossibili, abbiamo pensato bene di andare a visitare solo Palazzo Farnese, che è un palazzo chiuso al pubblico durante l’anno e di escludere gli altri Musei, che comunque avevo già visitato in altre occasioni e destinare le Mostre ad un altro momento, magari con i bambini!
E l’idea è stata perfetta, perchè la fila davanti al Palazzo, per quanto lunga, è durata solo mezz’ora e poi ne è valsa veramente la pena!

Il Palazzo è bellismo, imponente e ricco di affreschi, arazzi e soffitti decorati.
La facciata, iniziata da Antonio da Sangallo il Giovane, è stata completata da Michelangelo.
Prima che essere Ambasciata di Francia, è un palazzo storico costruito a partire dal 1513 dalla famiglia Farnese. Nel 1874 il Marchese di Noailles, diplomatico francese ottiene da Francesco II l’affitto di una parte dell’edificio per installarne l’ambasciata a Roma, nuova capitale d’Italia.
Nel 1875 si colloca all’ultimo piano anche L’Ecole Francaise de Rome.
Nel 1911 è stato comprato dalla Francia e poi rivenduto all’Italia nel 1936, l’anno in cui i due Stati sottoscrivono un accordo che prevede la collocazione di un’ambasciata francese a Roma e una italiana a Parigi per 99 anni (l’affitto è simbolico!).
La visita, naturalmente, comprendeva le sale aperte al pubblico e non la residenza privata dell’ambasciatore e, tra le sale più bella, c’è il suo studio e i tre saloni, quello bianco, quello giallo e quell rosso.

La serata è proseguita con una tappa obbligata da Roscioli per la sua famosa pizza bianca con la “mortazza” e una passeggiata lungo i Fori Imperiali.


Siamo tornati a casa e abbiamo trovato i bimbi che avevano giocato con la nonna, si erano divertiti… e stavano dormendo sereni.

Insomma, è stata una serata piacevole e rilassante, che ogni coppia, secondo me, dovrebbe concedersi ogni tanto!

Ti può interessare anche

Condividi

2 Commenti

  1. Ah che bel articolo…mi hai fatto sognare…=)

Trackbacks/Pingbacks

  1. La nuit de France - Le Nuove Mamme | Le Nuove Mamme - [...] Avevo fatto un po’ di polemica sul fatto che non c’erano state agevolazioni per le famiglie, soprattutto con bambini …

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>